Malattia renale policistica nel Bengala (PKD)

La malattia renale policistica felina (sindrome del rene policistico) chiamata anche policistosi renale è una malattia ereditaria caratterizzata dallo sviluppo di piccole sacche chiuse piene di liquido nel tessuto del rene.

La malattia renale policistica o PKD è una condizione ereditaria nei gatti che provoca la formazione di più cisti (sacche di liquido) nei reni. 

Queste cisti sono presenti dalla nascita. Inizialmente sono molto piccole ma crescono nel tempo e possono eventualmente interrompere la funzionalità renale con conseguente insufficienza renale.

Il numero di cisti e la velocità con cui le cisti si allargano varia tra i gatti.

Queste sacche spesso si moltiplicano in numero e crescono di dimensioni nel tempo, superando alla fine il normale tessuto renale e portando spesso a insufficienza renale potenzialmente fatale.

Tutti i gatti con malattia renale policistica hanno cisti nei loro reni, ma il numero di cisti e la velocità con cui le cisti si allargano varia tra diversi soggetti. 

Nella maggior parte dei gatti, le cisti si allargano lentamente e i gatti colpiti non mostreranno alcun segno di malattia renale fino a tardi nella vita, in genere intorno ai sette anni.

In alcuni gatti, l’insufficienza renale si verificherà in età molto più giovane mentre in altri gatti l’insufficienza renale non si svilupperà affatto. Al momento non è possibile prevedere la rapidità con cui la malattia progredirà in un determinato gatto.

La funzione renale si deteriora con l’età e la malattia renale si manifesta tra i 3 e 10 anni, con una media di sette anni.

Le cisti renali sono evidenti attraverso le ecografie entro gli 8-10 mesi di età, sebbene la gravità e la progressione della malattia varia ampiamente tra gli individui. I gatti lievemente colpiti possono gettare prole più gravemente colpita e viceversa.

Quali sono le cause della malattia renale policistica?

La PKD nei gatti è caratterizzata da cisti renali, epatiche e pancreatiche e ha una modalità di ereditarietà autosomica dominante.

La mutazione causativa del gene PKD-1 è stata identificata ed è disponibile un test del DNA per le razze persiane e correlate.

La malattia renale policistica è una malattia ereditaria. Sfortunatamente, la PKD è diventata molto comune in alcune razze di gatti.

I gatti persiani hanno la più alta incidenza di PKD. Gli studi hanno dimostrato che la malattia colpisce circa un terzo dei gatti persiani.

La PKD è il risultato di una singola anomalia genica autosomica dominante. Ciò significa che ogni gatto con il gene anormale avrà PKD.

Tutti i soggetti con il gene PKD-1, anche quelli con solo alcune piccole cisti o quelli senza segni clinici, passeranno comunque il difetto genetico sui suoi cuccioli, anche se accoppiati con un soggetto sano.

In altre parole, un gatto ha bisogno solo di uno dei suoi genitori per essere affetto da PKD al fine di ereditare il gene anormale ed essere colpito

Diagnosi e cure della PKD

La diagnosi si basa su razza, anamnesi, segni clinici, esami del sangue e delle urine, test genetici e valutazione ecografica dei reni. In alcune situazioni possono essere utilizzati anche studi speciali di colorazione radiografica.

Non esiste un trattamento specifico per la PKD, poiché la malattia provoca segni clinici simili a quelli osservati nei gatti con malattia renale cronica.

Diete speciali, fluidoterapia e farmaci per ridurre la nausea e il vomito e per bloccare l’assorbimento del fosforo sono spesso usati per trattare i sintomi dell’insufficienza renale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *